•   amministrazione@romanoassociati.it
  •  +39 081 520 3316

 

Il Nostro Blog

Giudizio favorevole per l'opposizione all'avviso di addebito per contributi previdenziali gestione INPS Commercianti di socio di s.n.c. In evidenza

Feb 20 2019

inpsavvisoaddebito


Il Socio di una Snc si è rivolto allo studio Romano Associati dopo aver ricevuto la notifica di due avvisi di addebito da parte dell’Inps con i quali gli erano stati chiesti i pagamenti relativi ai contributi previdenziali inerenti la gestione commercianti per il periodo in cui lo stesso era socio della snc.
Il partner dello Studio Avvocato Rosa Stompanato dall’esame della situazione ha rilevato che il cliente non era tenuto al pagamento dei contributi previdenziali in quanto per il socio di una snc che non svolga nel contesto societario attività commerciale con carattere di abitualità e prevalenza non opera l’iscrizione nella corrispondente gestione previdenziale , non essendo in tal caso sussistente il presupposto dell’obbligo contributivo.
L’avvocato Stompanato ha pertanto introdotto la causa per l’annullamento degli avvisi di addebito; con la Sentenza emessa dal Tribunale di Nola sez. Lavoroe Previdenza n. 2198/2018 il G.L. ha accolto l’opposizione e dichiarato illegittima l’iscrizione del ricorrente alla Gestione Commercianti.

Sintesi della controversia

L'ISCRIZIONE ALLA GESTIONE COMMERCIANTI INPS ED IL REQUISITO DELLA PREVALENZA E DELL’ABITUALITA’ DEL SOCIO DELLA SNC

L’art. 12, comma 11, del D.L. 31 maggio 2010 n. 78, convertito con legge del 30 Luglio 2010 ha stabilito che “L’art.1 , comma 208 della Legge 23 dicembre 1996, n. 662 si interpreta nel senso che le attività autonome, per le quali opera il principio di assoggettamento all’assicurazione prevista per l’attività prevalente, sono quelle esercitate in forma d’impresa dai commercianti, dagli artigiani e dai coltivatori diretti, i quali vengono iscritti in una delle corrispondenti gestioni dell’Inps. Restano, pertanto, esclusi dall’applicazione dell’art. 1, comma 208, legge n. 662/96 i rapporti di lavoro per i quali è obbligatoriamente prevista l’iscrizione alla gestione previdenziale di cui all’art. 2, comma 26, legge 8 agosto n. 335”
Il criterio dell’attività prevalente, quale parametro di valutazione per individuare la gestione assicurativa dell’Inps alla quale versare i contributi previdenziali nel caso di svolgimento di plurime attività che, autonomamente considerate, comporterebbero l’iscrizione a diverse gestioni previdenziali, opera per le attività esercitate in forma d’impresa dai commercianti, dagli artigiani e dai coltivatori diretti.
Per queste attività vale il criterio (semplificante)dell’attività prevalente per individuare l’unica gestione assicurativa alla quale versare i contributi previdenziali in riferimento anche all’attività non prevalente che, ove esercitata da sola, comporterebbe l’iscrizione in un’altra gestione assicurativa; ciò nel concorso con l’assenso dell’Inps che, in ragione del disposto del secondo periodo del medesimo comma 208 dell’art. 1 cit., è chiamato a decidere sulla iscrizione nell’assicurazione corrispondente all’attività prevalente.
Quindi, non è sufficiente la mera qualità di socio o di amministratore. Sicchè, ove il socio o amministratore non svolga attività commerciale con carattere di abitualità e prevalenza, non opera l’iscrizione nella corrispondente gestione previdenziale, non essendo in tal caso sussistente il presupposto dell’obbligo contributivo. Pertanto, il requisito fondamentale per fondare l’obbligo di pagare i contributi è la prova dell’abitualità e della prevalenza di attività lavorativa svolta nel contesto societario. Il predetto obbligo dipende, dall’accertamento e dalla prova – incombente sull’ente previdenziale- dello svolgimento da parte del socio di una partecipazione personale al lavoro aziendale con i caratteri dell’abitualità e della prevalenza. Quindi, la prestazione offerta deve avere carattere di abitualità e preponderanza rispetto agli altri fattori produttivi, intendendosi per partecipazione al lavoro aziendale lo svolgimento dell’attività operativa in cui si estrinseca l’oggetto dell’impresa.

Letto 341 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Romano

Lo StudioRomano@ssociatiè una società di commercialisti che opera da oltre 20 anni nel settore della Consulenza del Lavoro.

Sito web: www.romanoassociati.it

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

logo bottom

Lo Studio Romano@ssociati

...rappresenta l’evoluzione dello studio tradizionale di dottore commercialista e propone ad aziende di ogni dimensione un’offerta completa di consulenza fiscale e societaria.

Contatti

Via Vincenzo Gioberti, 5
80011 - Acerra (Na)

+39 081 520 3316

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

dalle 9.00 alle 18.00

Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili. Continuando la navigazione ne acetti l'utilizzo.